Torna a www.bahai.com

1- 800 - 22 - UNITE

Per maggiori informazioni sulla Fede Bahá'í negli USA

Benvenuto a I BAHÁ'Í -- rivista ospitata da www.bahai.com

Profilo della Fede Bahá'í e della sua Comunità Mondiale

Precedente Home Prossimo


About :

La Rivista I Bahá'í


Home :
Rivista Copertina

Sommario : Sommario
bullet.gif (837 bytes) I Bahá'í
bullet.gif (837 bytes) Unità nella Diversità
bullet.gif (837 bytes) Bahá'u'lláh
bullet1.gif (837 bytes) Insegnamenti Morali
e Sociali
bullet1.gif (837 bytes) II Credo Spirituale
della Fede Bahá'í
bullet1.gif (837 bytes) Un Sistema di
Amministrazione
Mondiale
bullet1.gif (837 bytes) Un Secolo di Crescita
ed Espansione
bullet1.gif (837 bytes) Nuove Soluzioni per
Vecchi Problemi
bullet1.gif (837 bytes) Verso un Nuovo
Ordine Mondiale

Un Sistema di Amministrazione Mondiale
L'ORDINE AMMINISTRATIVO BAHÁ'Í

Seguendo la struttura fissata da Bahá’u’lláh, le comunità bahá’í conducono i loro affari per mezzo di un originale sistema di consigli direttivi liberamente eletti che sfidano le idee comunemente accettate sui limiti insiti nella democrazia.

Volendo definire il ventesimo secolo in una frase, si può dire che è stato un unico lungo esperimento di amministrazione globale. Sotto i più dinamici movimenti, conflitti e istituzione degli ultimi novant’anni, covava una domanda chiave: come si autogovernerà l’umanità?

Agli albori del secolo, le monarchie assolute sono state messe da parte e la prima guerra mondiale ne ha smantellato le istituzioni che ancora restavano in piedi. La seconda guerra mondiale ha liquidato il fascismo ed ha portato alla fine del colonialismo. Oggi l’esperimento più ambizioso di tutti, il comunismo, è stato anch’esso screditato.

Resta solo la democrazia.
Ma quale democrazia?

Per quanto chiaramente superiore agli altri sistemi provati finora la democrazia, così come praticata oggi, mostra tuttavia le sue crepe.

In Occidente, malgrado i suoi successi, il sistema pluripartitico sembra mostrare sempre più i suoi limiti. In molti paesi corruzione, pubblica calunnia, propaganda elettorale negativa, caccia al voto e inconcludenza hanno portato all’apatia dell’elettorato al punto da minacciare l’integrità dell’intero sistema.

In Oriente, i nuovi esperimenti democratici sono minacciati da una moltitudine di problemi e di forze: mancanza di esperienza, tensioni etniche secolari, aspettative culturali di varia natura.

Gruppi di persone sempre più ampi si chiedono oggi se sia ancora veramente possibile una qualsiasi forma di governo..

Ai margini di questo dibattito si configura la straordinaria alternativa offerta dalla comunità mondiale bahá’í. Il sistema amministrativo tramite il quale la comunità conduce i suoi affari è stato esposto negli scritti di Bahá’u’lláh ed è designato a dare espressione pratica ai principi sociali che Egli ha insegnato. In effetti, ai fini della definizione del credo e della pratica bahá’í, l’idea che esiste un modello divino per amministrare via via la Fede Bahá’í è altrettanto importante delle dottrine sociali e spirituali di Bahá’u’lláh.

L’autorità di decidere negli affari comunitari sta nelle mani di consigli direttivi liberamente eletti, che funzionano a livello locale, nazionale ed internazionale. Anche se molti dei suoi elementi sono affini ad altri metodi di elezione democratica, l’amministrazione e il governo nel sistema bahá’í, quando lo si considera nel suo insieme, si pongono in netto contrasto con i modelli correnti. Il processo elettorale, ad esempio, esclude qualsiasi forma di campagna elettorale, propaganda o candidatura. Offre invece ad ogni singolo elettore la massima scelta possibile di candidati.

Altrettanto originale è il processo decisionale usato dai consigli bahá’í. Il suo metodo non si basa su spirito di opposizione, ma cerca di costruire il consenso della comunità combinando gli interessi delle varie componenti invece di opporli gli uni agli altri.

Agli occhi di uno studioso della storia e delle teorie politiche moderne la caratteristica più singolare del sistema è l’equilibrio posto fra la difesa della libera espressione dell’individuo e la promozione del bene collettivo.


L'individuo e la sua espressione

Il messaggio di Bahá’u’lláh è rivolto non solo all’umanità in senso collettivo, ma anche alla coscienza di ogni singola persona. Come Egli suggerisce: "Preoccupatevi dei bisogni dell’era in cui vivete, e concentrate le vostre deliberazioni sulle sue esigenze e necessità." L’individuo possiede forze morali, intellettuali e spirituali basilari per l’avanzamento della civiltà. L’espressione di queste potenzialità creative degli affari umani così come lo è la promozione di un processo decisionale democratico.

L'ordine amministrativo fondato da Bahá’u’lláh chiede alle istituzioni elette di stimolare lo sviluppo e l’esercizio di queste forze. Ma per far fronte a questa necessità amplia il campo tramite istituzioni complementari, che hanno il compito di consigliare, incoraggiare ed assistere sia i singoli membri delle comunità bahá’í sia i suoi corpi eletti. Coloro che svolgono questo servizio essenziale, uomini e donne, vengono scelti sulla base della elevatezza raggiunta per vasta esperienza, matura saggezza ed altre distinte qualità personali.

"In ciascun paese in cui risiede una comunità, i suoi aderenti debbono comportarsi con fedeltà, con sincerità e con obbedienza verso il governo del paese." -- Bahá'u'lláh

La loro nomina dota la comunità bahá’í di gruppi di individui estremamente diversi che offrono ispirazione per l’applicazione degli insegnamenti di Bahá’u’lláh nella vita quotidiana. Pur non possedendo autorità decisionale, questi distinti membri della Fede sono certi che i loro consigli svolgono un ruolo importante nella formazione della vita comunitaria bahá’í.

I membri di queste istituzioni nominate non rappresentano una casta periodo prefissato, per riprendere poi il loro posto come membri normali della comunità quando il loro periodo di nomina termina. I loro compiti non comprendono alcuna funzione sacerdotale, né possiedono autorità di interpretazione degli insegnamenti bahá’í, per quanto le loro opinioni e visioni possano essere rispettate dai credenti e dagli organi amministrativi.

Il sistema bahá’í di decisione comunitaria, basato su un comune insieme di principi elettorali e consultativi, si organizza attorno a una serie di consigli direttivi liberamente eletti. Questa gerarchia delega il processo decisionale al livello più basso possibile al livello più basso possibile, costituendo così un mezzo unico per una democrazia di base, mentre nel contempo fornisce un livello di coordinamento e di autorità che rende possibile la collaborazione su scala globale.


L'Assemblea Locale

Alla base dell’Ordine Amministrativo Bahá’í si trova l’Assemblea Spirituale locale, consiglio direttivo della comunità eletto ogni anno nelle località dove vi abitano nove o più bahá’í adulti. Vale la pena di descrivere in dettaglio il funzionamento dell’Assemblea Spirituale locale in quanto molti dei suoi elementi si ritrovano a livello nazionale ed internazionale

Di norma la giurisdizione dell’Assemblea Spirituale locale è definita dai confini municipali fissati dal governo. In altre parole, tutti i bahá’í che vivono entro i confini di un particolare villaggio, paese, città o distretto civico sono considerati sotto la giurisdizione dell’Assemblea Spirituale locale di quella località.


L'Assemblea Spirituale locale è eletta ogni anno con voto segreto. In aprile tutti i bahá’í adulti di una certa comunità si riuniscono per le elezioni. Coloro che non possono partecipare personalmente sono incoraggiati a far pervenire i voti. Dopo una fase di preghiera e meditazione, ogni adulto procede a scrivere nove nomi: i nomi di quegli individui che ritiene più qualificati per condurre gli affari della comunità.

Le qualità che questi individui dovrebbero possedere sono elencate molto chiaramente negli Scritti Bahá’í. Coloro che prendono parte all’elezione devono considerare "soltanto i nomi di coloro che possono meglio unire le qualità necessarie di indiscussa lealtà, di altruistica devozione, di una mente ben addestrata e di riconosciuta abilità e matura esperienza."

Forse l’aspetto più sorprendente di questo processo è l’assenza di una scheda precostituita, o di qualunque metodo di candidatura. Ogni bahá’í adulto della comunità è invece eleggibile nell’Assemblea Spirituale locale.

Chi è eletto in Assemblea non ha bisogno di ricevere una maggioranza di voti; vengono scelti i nove individui che ricevono il maggior numero di voti. Siccome ognuno nella comunità è praticamente eleggibile, i singoli votanti hanno l’opportunità di votare secondo coscienza con una totale libertà di scelta.


Di conseguenza, tendono ad essere elette persone dotate di riconosciuta maturità, esperienza e umiltà, e non semplicemente coloro che potrebbero essere abbastanza sfacciati o egocentrici da offrirsi come candidati.

Questo sistema, anche se sfida le concezioni politiche, è sorprendentemente efficace nella pratica. Il sistema elettorale bahá’í mira in essenza a mettere in luce leader dotati di altruismo, qualità intellettuali e saggezza.

Al momento attuale, le Assemblee Spirituali locali dirigono una vasta gamma di attività che costituiscono l’essenza della vita comunitaria bahá’í. Queste attività includono l’educazione dei bambini, l’osservanza di festività, l’organizzazione di riunioni di tipo devozionale, classi di studio, conferenze, eventi sociali, matrimoni, divorzi e funerali. Molte Assemblee Spirituali locali sparse nel mondo intero seguono anche piccoli progetti di sviluppo a lunga durata nel campo dell’ambiente.

Le Assemblee Spirituali locali sovrintendono anche alla Festa del Diciannovesimo Giorno che, come già detto, è la pietra angolare delle attività comunitarie. E, anche se in definitiva è l’Assemblea la fonte autorevole delle decisioni finali, l’istituzione della Festa costituisce un’importante componente di una amministrazione che parte dal basso.

Le istituzioni di consulenza svolgono un ruolo importante assistendo e incoraggiando le decisioni di gruppo, allo stesso modo in cui incoraggiano i singoli credenti. Basandosi sulla loro matura esperienza, i membri di queste istituzioni di supporto forniscono consigli che concentrano l’attenzione sui principi presenti negli scritti bahá’í, e su una gamma di azioni alternative che in situazioni similari sono state applicate con successo. Le Assemblee Spirituali locali mantengono il diritto alla decisione finale sulle questioni esaminate, un diritto che viene esercitato nella riservatezza delle consultazioni interne. Continua


" Tratto da I Bahá'í, una pubblicazione della Casa Editrice Bahá'í "


Precedente  |  Su  |  Prossimo

Sito mirror della rivista I Bahá'í


La Sede della Casa Universale di Giustizia, sul Monte Carmelo.

Decisioni prese in gruppo.

Un'Elezione Bahá'í in Tailandia.


 

 

 

 

© Dal 1997 www.bahai.com

Grazie per la vísita