Torna a www.bahai.com

1- 800 - 22 - UNITE

Per maggiori informazioni sulla Fede Bahá'í negli USA

Benvenuto a I BAHÁ'Í -- rivista ospitata da www.bahai.com

Profilo della Fede Bahá'í e della sua Comunitŕ Mondiale

Precedente Home Prossimo


About :

La Rivista I Bahá'í


Home :
Rivista Copertina

Sommario : Sommario
bullet.gif (837 bytes) I Bahá'í
bullet.gif (837 bytes) Unitŕ nella Diversitŕ
bullet.gif (837 bytes) Bahá'u'lláh
bullet1.gif (837 bytes) Insegnamenti Morali
e Sociali
bullet1.gif (837 bytes) II Credo Spirituale
della Fede Bahá'í
bullet1.gif (837 bytes) Un Sistema di
Amministrazione
Mondiale
bullet1.gif (837 bytes) Un Secolo di Crescita
ed Espansione
bullet1.gif (837 bytes) Nuove Soluzioni per
Vecchi Problemi
bullet1.gif (837 bytes) Verso un Nuovo
Ordine Mondiale

L'Esilio

Dopo il rilascio, Bahá’u’lláh fu bandito dalla Sua terra natale e iniziň quarant’anni di esilio, prigionia e persecuzioni. Prima fu inviato nella vicina Baghdad e, dopo circa un anno, partě per le selvagge montagne del Kurdistan, dove visse completamente solo per circa due anni. Trascorse il tempo meditando sulle implicazioni del compito a cui era stato chiamato. Questo periodo ricorda il ritiro adottato dai Fondatori delle altre grandi religioni mondiali, le peregrinazioni del Buddha, i quaranta giorni e le quaranta notti che il Cristo passň nel deserto, e l’appartarsi di Maometto nella caverna sul monte Hira.

Nel 1856, a seguito della pressante richiesta dei Bábí esiliati, Bahá’u’lláh ritornň a Baghdad. Sotto la Sua rinnovata guida, la statura della comunitŕ bábí crebbe e la reputazione di Bahá’u’lláh quale capo spirituale si diffuse per tutta la cittŕ. Temendo che il Suo successo potesse riaccendere la fiamma del movimento in Iran, il governo dello Sciŕ fece pressioni ed ottenne che le autoritŕ ottomane lo esiliassero in un luogo piů remoto.

Nell’aprile 1863, prima di lasciare Baghdad, Bahá’u’lláh ed i Suoi seguaci, dal 21 aprile al 2 maggio, si accamparono in un giardino sulle rive del Tigri, dove rese noto ai bábí in Sua compagnia ch’Egli era il Promesso preannunciato dal Báb e da tutte le sacre scritture del mondo.

Il Giardino fu conosciuto col nome di "Ridván" che in arabo significa Paradiso. L’anniversario di quei dodici giorni č celebrato nel mondo bahá’í col nome di festa di Ridván, che č quella piů gioiosa.

Il 13 maggio 1863 Bahá’u’lláh partě da Baghdad per Costantinopoli, la capitale dell’impero, accompagnato dalla Sua famiglia e da amici prescelti. Era divenuto un personaggio amato e molto popolare. Testimoni oculari hanno descritto la Sua partenza con parole assai commosse, mettendo in risalto le lacrime di molti spettatori e i tributi riconosciutiGli dalle autoritŕ.

"Non ho mai aspirato ad alcun dominio terreno. Mio unico intento č stato quello di offrire agli uomini ciň che Dio aveva ordinato di dare loro..." --Bahá'u'lláh

Dopo aver trascorso quattro mesi a Costantinopoli, Bahá’u’lláh fu inviato, virtualmente prigioniero, ad Adrianopoli (l’attuale Edirne), ove giunse il 2 dicembre 1863. Durante i cinque anni che vi trascorse, la Sua fama continuň a crescere, attraendo l’intenso interesse di studiosi, ufficiali governativi e diplomatici.

Dal settembre 1867, Bahá’u’lláh scrisse una serie di lettere ai capi del mondo della Sua epoca, indirizzandole, tra gli altri, all’Imperatore Napoleone III, alla Regina Vittoria, al Kaiser Guglielmo I, allo Zar Alessandro II di Russia, all’Imperatore Francesco Giuseppe, al Papa Pio IX, al Sultano Abdul-Aziz e al regnante di Persia, Nasirid-Din Shah ed in esse dichiarň apertamente il Suo rango e proclamň l’albeggiare di una nuova epoca.

Prima di tutto avvertě che vi sarebbero stati rivolgimenti catastrofici nell’ordine politico e sociale del mondo. Per favorire il cambiamento dell’umanitŕ, esortň i capi della Terra a perseguire la giustizia, levň un appello perché facessero sforzi collettivi per il disarmo e li invitň a riunirsi per formare una specie di federazione di nazioni. Soltanto agendo collettivamente contro la guerra, disse, si sarebbe potuta raggiungere una pace durevole.

Le continue agitazioni degli oppositori fecero sě che il governo turco inviasse gli esiliati ad Akká, colonia penale nella Palestina Ottomana. Akká era la fine del mondo, l’ultima destinazione per i peggiori assassini, ladri incalliti e politici dissidenti. Cittŕ circondata da mura, con strade fetide e cose cadenti, non aveva alcuna sorgente d’acqua fresca e l’aria, nella tradizione popolare, era considerata cosě impura che un uccello volandovi sopra, sarebbe caduto morto.


Bahá’u’lláh e la Sua famiglia arrivarono in questo luogo, ultima tappa del Loro esilio, il 31 agosto 1868. Egli avrebbe trascorso il resto della Sua vita, altri ventiquattro anni, ad Akká e dintorni. Dapprima furono confinati in alcune celle della caserma e piů tardi, Bahá’u’lláh ed i Suoi compagni, furono trasferiti in una casa diroccata all’interno delle mura cittadine. Gli esiliati, dipinti come eretici pericolosi, dovettero fronteggiare l’animositŕ degli altri cittadini e perfino i bambini, quando si avventurarono fuori, erano scherniti e presi a sassate.

Col passare del tempo, comunque, lo spirito degli insegnamenti di Bahá’u’lláh sopraffece sia la bigotteria che l’indifferenza finché molte autoritŕ civili e religiose della cittŕ, dopo aver esaminato i principi della Fede, divennero devoti ammiratori. Come a Baghdad e ad Adrianopoli, la statura morale di Bahá’u’lláh si guadagnň rispetto, ammirazione e perfino autoritŕ sulla comunitŕ cittadina.

Ad Akká fu scritta l’opera piů importante di Bahá’u’lláh. Conosciuta tra i bahá’í con il suo titolo in persiano, il Kitab-i-Aqdas (Il Libro Santissimo), traccia le leggi essenziali ed i principi che i Suoi seguaci devono seguire e pone le basi per l’amministrazione bahá’í.
(vedi pagina 25).

Nei tardi anni ’70, fu riconosciuta a Bahá’u’lláh la libertŕ di spostarsi al di fuori delle mura cittadine e i Suoi seguaci furono in grado di incontrarLo in relativa pace e tranquillitŕ. Stabilě la Sua residenza in una villa abbandonata e fu in grado di dedicarSi ulteriormente allo scrivere.

Morě il 29 maggio 1892. I Suoi resti mortali furono messi a riposare in una stanza con giardino adiacente alla villa restaurata, oggi conosciuta come Bahjí. Questo luogo, č per i bahá’í, il luogo piů sacro della terra.

12 novembre 1817 Nascita di Bahá'u'lláh a Nur, Persia.
20 ottobre 1819 Nascita del Báb a Shiraz, Persia.
23 maggio 1844 Dichiarazione del Báb a Shiraz.
23 maggio 1844 Nascita di 'Abdu'l-Bahá a Teheran.
09 Luglio 1850 Martirio del Báb a Tabriz, Persia.
Agosto 1852 Prigionia di Bahá'u'lláh nel Siyah-Chal di Teheran.
12 gennaio 1853 Esilio di Bahá'u'lláh a Baghdad, Iraq.
10 aprile 1854 Partenza di Bahá'u'lláh per le montagne del Kurdistan.
22 aprile 1863 Dichiarazione di Bahá'u'lláh sulla Sua missione ad alcuni Bábí nel giardino del Ridván a Baghdad.
16 agosto 1863 Arrivo di Bahá'u'lláh a Costantinopoli, (Istanbul).
12 dicembre 1863 Arrivo di Bahá'u'lláh ad Adrianopoli, (Edirne).
31 agosto 1868 Arrivo di Bahá'u'lláh nella cittŕ prigione di Akká nella Palestina ottomana.
29 marzo 1888 Prima menzione della Fede Bahá'í al pubblico occidentale da parte di E.G.Browne alla Essay Society, Newcastle. Upon - Tyne, Inghilterra.
29 maggio 1892 Trapasso di Bahá'u'lláh a Bahjí, nei pressi di Akká.

Prossime pagine:


" Tratto da I Bahá'í, una pubblicazione della Casa Editrice Bahá'í "


Precedente  |  Su  |  Prossimo

Sito mirror della rivista I Bahá'í


Bahá'u'lláh visse in questa casa di Adrianopoli (l'attuale Edirne) per circa cinque anni prima della partenza per Akka, tappa finale del Suo esilio.

Carta geografica indicante il viaggio di esilio di Bahá'u'lláh.

Il luogo piu' santo del mondo Bahá'í: Bahji, il luogo di riposo dei resti terreni di Bahá'u'lláh. La villa di Bahji, circondata da giardini, e' visitata annualmente da migliaia di pellegrini. La loro meta e' la piccola casa con giardino interno alla destra dell'edificio principale, dove i resti mortali di Bahá'u'lláh sono sepolti.


 

 

 

 

© Dal 1997 www.bahai.com

Grazie per la vísita