Torna a www.bahai.com

1- 800 - 22 - UNITE

Per maggiori informazioni sulla Fede Bahá'í negli USA

Benvenuto a I BAHÁ'Í -- rivista ospitata da www.bahai.com

Profilo della Fede Bahá'í e della sua Comunitŕ Mondiale

Precedente Home Prossimo


About :

La Rivista I Bahá'í


Home :
Rivista Copertina

Sommario : Sommario
bullet.gif (837 bytes) I Bahá'í
bullet.gif (837 bytes) Unitŕ nella Diversitŕ
bullet.gif (837 bytes) Bahá'u'lláh
bullet1.gif (837 bytes) Insegnamenti Morali
e Sociali
bullet1.gif (837 bytes) II Credo Spirituale
della Fede Bahá'í
bullet1.gif (837 bytes) Un Sistema di
Amministrazione
Mondiale
bullet1.gif (837 bytes) Un Secolo di Crescita
ed Espansione
bullet1.gif (837 bytes) Nuove Soluzioni per
Vecchi Problemi
bullet1.gif (837 bytes) Verso un Nuovo
Ordine Mondiale

Bahá'u'lláh
Messaggero di Dio

Gli scritti di Bahá’u’lláh offrono le risposte alle eterne domande dei teologi e dei teosofi che hanno tormentato l’umanitŕ fin dai tempi piů antichi: Chi č Dio? Cos’č il bene? Perché siamo al mondo? Parlano anche dei problemi moderni che hanno assillato i pensatori del XX secolo, mettendo in evidenza le motivazioni fondamentali della natura umana, rispondendo che la pace č possibile e chiarendo come Dio provveda alla sicurezza e al benessere dell’umanitŕ

Alla metŕ del secolo scorso, il "Buco Nero" di Teheran era una delle piů famose prigioni del Medio Oriente. In passato era servita da cisterna sotterranea per l’acqua di un bagno pubblico e il suo unico accesso era costituito da tre ripide rampe di scale in pietra. I prigionieri stavano accalcati tra i loro stessi rifiuti e languivano nell’oscuritŕ piů densa del pozzo, in un’atmosfera sotterranea fredda e fetida.

In questo triste ambiente si svolse ancora una volta uno dei piů rari ed invocanti eventi religiosi: un essere mortale, esteriormente umano per alcuni aspetti, fu chiamato da Dio per portare all’umanitŕ una nuova rivelazione religiosa.

L’anno era il 1852 e l’uomo era un nobile persiano, oggi conosciuto come Bahá’u’lláh. Durante la Sua prigionia, mentre giaceva con i ceppi ai piedi ed una catena pesante circa quarantacinque chili al collo, Bahá’u’lláh ricevette la visione della volontŕ di Dio per l’umanitŕ.

L’evento č paragonabile agli altri grandi momenti del passato in cui Dio si rivelň ai Suoi primi Messaggeri: quando Mosč si trovň di fronte al Roveto Ardente. Buddha fu illuminato sotto l’albero di Bodhi; lo Spirito Santo, sotto orma di colomba, discese su Gesů; o l’arcangelo Gabriele apparve a Maometto.

"E siccome non puň esservi nessun legame di diretta comunicazione per unire l'unico vero Iddio alla Sua creazione, e nessuna somiglianza puň mai esistere fra il transitorio e l'Eterno, il contingente e l'Assoluto, Egli ha comandato che in ogni epoca ed in ogni dispensazione un'anima pura e senza macchia si manifesti nei regni della terra e del cielo. --Bahá'u'lláh

L'esperienza di Bahá'u'lláh nel Buco Nero mise in moto un processo di rivelazione religiosa che, nei successivi quarant'anni, produsse migliaia di libri, epistole e lettere che oggi costituiscono il corpus degli Scritti Sacri della Fede Bahá'í. In questi scritti delineň un quadro per la ricostruzione a tutti i livelli della societŕ umana: spirituale, morale, economico, politico e filosofico.

I Messaggeri di Dio hanno, nel passato, presentato i loro insegnamenti per l'umanitŕ, predicando e pregando; queste rivelazioni sono state registrate da altri, a volte durante la vita del Profeta, a volte piů tardi, ricavandole dalla memoria dei Suoi seguaci. Il Fondatore della Fede Bahá'í prese invece carta e penna e scrisse personalmente, per l'umanitŕ, la Rivelazione che aveva ricevuto o dettň i Suoi messaggi a credenti che Lo servivano come segretari.

Bahá'u'lláh non trattň solo gli eterni problemi teologici e filosofici che hanno tormentato l'umanitŕ fin dai tempi antichi quali: chi č Dio, cos'č il bene e perché siamo al mondo, ma anche problematiche che hanno preoccupato i pensatori del XX secolo: cosa motiva la natura umana, una pace effettiva č possibile, Dio Si cura ancora dell'umanitŕ?

La comunitŕ mondiale bahá’í trae ispirazione, modella il suo comportamento morale e fa scaturire le sue energie creative dalle Sue parole.

Bahá'u'lláh, il Cui nome in arabo significa "La Gloria di Dio", nacque il 12 novembre 1817 a Teheran. Figlio di un facoltoso ministro, Mirzá Buzurg-i-Nurí, ebbe il nome di Husayn-'Alí e la Sua famiglia poteva vantare ascendenze fino alle grandi dinastie del passato imperiale dell'Iran. Giovane, Bahá'u'lláh, condusse una vita principesca, ricevendo un'educazione rivolta essenzialmente all'equitazione, scherma, arte calligrafica e poesia classica.

Nell'ottobre 1835, Bahá'u'lláh prese in moglie 'Asíyih Khánum, figlia di un altro nobile. Ebbero tre figli, un maschio, 'Abdu'l-Bahá, nato nel 1844, una figlia, Bahíyyih, nata nel 1846 ed un altro maschio, Mihdí, nato nel 1848.

Bahá’u’lláh rinunciň alla carriera ministeriale a Lui aperta nel governo e scelse, invece, di devolvere le Sue energie ad azioni filantropiche che Gli valsero, fin dei primi anni quaranta, l’appellativo di "Padre dei Poveri". Questa esistenza privilegiata fině bruscamente dopo il 1844, quando divenne uno dei principali sostenitori del movimento Bábí.

Il movimento Bábí, precursore della Fede Bahá’í, si diffuse in Iran come un turbine e provocň dalla classe clericale una intensa persecuzione. Dopo l’esecuzione capitale del suo Fondatore, il Báb, Bahá’u’lláh fu arrestato e portato a piedi ed incatenato, a Teheran. Membri influenti della corte e del clero richiesero la Sua condanna a morte.

Bahá’u’lláh, comunque, fu protetto sia dalla Sua reputazione personale e dal rango della famiglia, sia dalle proteste delle ambasciate occidentali.

Fu perciň gettato nel famoso "Buco Nero", in persiano il Siyah-Chal. Le autoritŕ speravano cosě di provocarne la morte. Al contrario, la segreta divenne il luogo di nascita di una nuova rivelazione religiosa.

"Questa č l'immutabile Fede di Dio, eterna nel passato, eterna nel futuro" -- Bahá'u'lláh

Bahá’u’lláh passň in prigione quattro mesi, durante i quali meditň sulla grandezza della Sua missione. "Non ero che un uomo come gli altri, addormentato nel Mio letto, quand’ecco le brezze del Gloriosissimo furono alitate su di Me, e Mi insegnarono la sapienza di tutto ciň che č stato" scrisse piů tardi. "Questo non proviene da Me, ma da Uno Che č Onnipotente e Onnisciente. Ed Egli mi ingiunse di levare la voce fra terra e cielo..."
continua


" Tratto da I Bahá'í, una pubblicazione della Casa Editrice Bahá'í "


Precedente  |  Su  |  Prossimo

Sito mirror della rivista I Bahá'í


L'ingresso del Mausoleo di Bahá'u'lláh.

Mirza' Buzurg-i-Nuri, il padre di Bahá'u'lláh. L'unica fotografia di Bahá'u'lláh, scattata per il passsaporto nel 1868, viene esposta negli Archivi Internazionali al Centro Mondiale Bahá'í ad Haifa.


 

 

 

 

© Dal 1997 www.bahai.com

Grazie per la vísita